Quando si tratta di pillole del giorno dopo e contraccezione d’emergenza sono tante le domande e dubbi a cui vorremmo avere una risposta chiara e immediata, per sapere cosa fare in caso di rapporti a rischio di gravidanza indesiderata

In questa sezione cerchiamo di rispondere alle principali domande, in modo chiaro e diretto, che aleggiano intorno al tema della contraccezione d’emergenza

Che differenza c’è tra le pillole del giorno dopo e quella dei 5 giorni dopo?

Anche se vengono comunemente chiamate entrambe “pillole del giorno dopo”, sul mercato esistono principalmente due tipi di pillole, dalla diversa composizione e efficacia.

  • Le tradizionali pillole del giorno dopo, a base di levonorgestrel, raggiungono la massima efficacia se assunte entro le prime 12 ore dal rapporto a rischio;

  • La pillola dei 5 giorni dopo, a base di ulipristal acetato, blocca o ritarda l’ovulazione fino a 5 giorni e quindi può essere assunta fino a 120 ore dopo il rapporto a rischio.

La differenza c’è ed è importante! 

La pillola dei 5 giorni dopo è in grado di spostare l’ovulazione fino a 5 giorni in avanti, anche se il processo che conduce all’ovulazione è già iniziato. Inoltre se assunta entro le prime 12/24 ore ha un’efficacia del 98%. 

Le pillole del giorno dopo tradizionali, invece, agiscono spostando l’ovulazione solo se il processo che conduce all’ovulazione non è ancora iniziato e nelle prime 12/24 ore ha un’efficacia che oscilla tra il 52% e il 94%.

Quando utilizzare le pillola del giorno dopo?

Le pillole del giorno o dei 5 giorni dopo sono una contraccezione di emergenza, e come tale devono essere utilizzate non abitualmente e solo in casi estremi. 

Queste sono alcune delle tante situazioni in cui possono essere utilizzate:

  • rapporti sessuali senza uso di alcun metodo contraccettivo;
  • ci si è dimenticate di assumere correttamente la pillola;
  • violenza sessuale;
  • si è state malate e si sono assunti alcuni medicinali che possono alterare l’efficacia della pillola e degli altri contraccettivi ormonali come cerotto, anello e impianto;
  • si è avuto vomito e diarrea a distanza di poche ore dall’assunzione della pillola;
  • il profilattico è stato indossato a rapporto già iniziato, oppure si è rotto, si è sfilato o è stato rimosso;
  • si teme che l’anello sia stato espulso;
  • si teme che il metodo del coito interrotto o un metodo tra quelli cosiddetti naturali non abbia funzionato;
  • il cerotto si è staccato e non si sa quando.

È necessaria la ricetta medica per acquistare le pillole del giorno dopo?

No, o almeno non sempre. 

  • Le donne maggiorenni di età possono acquistare sia le pillole a base di levonorgestrel sia quella a base di ulipristal acetato in farmacia senza ricetta medica.
  • Le ragazze minorenni di età possono acquistare senza ricetta medica solo la pillola a base di ulipristal acetato, mentre per quelle a base di levonorgestrel avranno bisogno della prescrizione medica. 

In entrambi i casi, i metodi contraccettivi di emergenza possono essere acquistati in farmacia o parafarmacia.

Per approfondire Pillole del giorno dopo: dove puoi comprarle

Quali domande possono farmi in farmacia al momento dell’acquisto?

È lecito avere delle ansie riguardo alle domande che il farmacista potrebbe farti quando vai a comprare le pillole del giorno dopo, ma per ragioni mediche, è fondamentale che il farmacista abbia da te determinate informazioni.

Le sue domande serviranno ad accertarsi che tu possa tollerare le pillole del giorno dopo e che queste possano funzionare in modo corretto. 

Stai tranquilla: la conversazione sarà discreta e non sarai messa in difficoltà.

Ecco quali sono le domande che probabilmente il farmacista ti farà se richiedi le pillole del giorno dopo:

  • Quando è avvenuto il rapporto non protetto?
  • Perché il rapporto è avvenuto in maniera non protetta? Qual è stato l’imprevisto? Hai dimenticato di prendere la pillola? Il preservativo si è rotto e si è sfilato?
  • È possibile che tu fossi incinta prima dell’imprevisto? (Questa domanda è particolarmente importante, perché la pillola del giorno dopo non deve essere assunta se si è già in gravidanza).
  • Soffri di malattie croniche come l’epilessia, asma o malattie al fegato?
  • Stai prendendo altre medicine?
  • Hai intolleranze?
  • Stai allattando?
  • Quale pillola del giorno dopo preferisci?

Non avere timore a rispondere a queste domande: in Italia, i farmacisti, come i medici, sono obbligati a mantenere il segreto professionale e garantire il pieno rispetto della riservatezza. 

Questo vuol dire che qualsiasi cosa tu discuta con il farmacista non sarà divulgato e nessun altro saprà che hai assunto le pillole del giorno dopo.

In farmacia, lo staff dovrebbe dare consigli professionali e neutrali e i giudizi morali non devono essere tollerati. 

Se senti che la tua vita sessuale viene giudicata o non sei a tuo agio durante la conversazione per altri motivi, sei libera di andare in un’altra farmacia e ricevere dei consigli oggettivi e competenti altrove.

Le pillole del giorno dopo possono avere effetti collaterali?

Come qualsiasi farmaco, anche le pillole del giorno dopo possono avere effetti indesiderati, che variano da persona a persona. 

Tra i più comuni troviamo sicuramente:

  • nausea
  • mal di testa
  • tensione al seno
  • stanchezza
  • dolore al basso ventre
  • sanguinamento irregolare. 

Questi sintomi, però, validi per entrambi i tipi di pillola, tendono ad attenuarsi nei giorni successivi all’assunzione

Domande e dubbi pillole giorno dopo

Posso avere rapporti sessuali dopo avere assunto la pillola del giorno dopo? 

Certo che sì, ma ricordati di utilizzare il preservativo

Questo vale anche per chi utilizza contraccezioni ormonali abituali (come pillola contraccettiva, anello o cerotto) perché la loro azione contraccettiva potrebbe essere stata ridotta con l’assunzione della pillola del giorno dopo. 

Se prendo le pillole del giorno dopo, sono protetta fino alle prossime mestruazioni?

Assolutamente no! La contraccezione d’emergenza è efficace solo per il rapporto o i rapporti che hanno indotto la sua assunzione. 

Per i rapporti sessuali successivi occorre ricorrere a un altro metodo contraccettivo.

Ma se dopo aver preso le pillola del giorno dopo mi capita di vomitare, cosa devo fare?

Se il vomito accade nelle 3 ore successive all’assunzione del farmaco, è raccomandata una nuova assunzione immediata. 

Le pillole del giorno dopo sono efficaci al 100% nella prevenzione di una gravidanza?

No, le pillole del giorno dopo possono impedire una gravidanza solamente se assunte il prima possibile dopo il rapporto sessuale non protetto

È bene ricordare che non sono efficaci se si è già in stato di gravidanza, e non sono efficaci in caso di eventuali rapporti sessuali non protetti avvenuti dopo l’assunzione del farmaco.

La pillola dei 5 giorni dopo essendo in grado di agire modificando l'attività dell'ormone progesterone, ritardando il processo che conduce all'ovulazione, ha un effetto più mirato e potente sui recettori di questo ormone e, se assunto immediatamente prima del momento in cui è prevista l'ovulazione (cioè quando l'ormone LH ha già iniziato ad aumentare), il farmaco è in grado di posticipare la rottura follicolare di qualche giorno.

Ovviamente, qualora l'ovulazione fosse già avvenuta, la possibilità di evitare la gravidanza si ridurrebbe, cosa che lo rende un metodo non privo di un tasso di fallimento. 

In ogni caso, se dopo aver preso il farmaco, le mestruazioni hanno un ritardo superiore a 5 giorni o accade un sanguinamento anomalo è obbligatorio verificare l’assenza della gravidanza eseguendo un test.

Posso continuare ad allattare se ho assunto la pillola del giorno dopo?

Per entrambe le tipologie di pillole del giorno dopo, è consigliabile non allattare per la settimana successiva all’assunzione del farmaco di contraccezione d’emergenza. 

Potrai comunque continuare a tirare il latte, per mantenerne la produzione, ma dovrai gettarlo via.

articolo a cura di

Giulia Rossi

Ginecologa

Giulia Rossi

La Dott.ssa Giulia Rossi, ginecologa, è specializzata nella diagnosi e nel trattamento delle infezioni sessualmente trasmissibili, dedicandosi con passione alla salute femminile.