Sei in una fase in cui hai poca voglia e il tuo partner ti colpevolizza? Devi sapere che capita a molte donne. Ecco quali sono le cause del calo del desiderio femminile.

Quando è l’uomo ad avere un calo del desiderio, si cercano subito cause fisiche, perché si dà per scontato che in condizioni normali gli uomini siano sempre disponibili a fare sesso. Quando invece il problema riguarda le donne, si tende a ricondurlo a una causa psicologica (e spesso a una ripicca o a un capriccio) e raramente si ha un approccio “medico”. Alla base del calo del desiderio femminile, invece, ci possono essere cause ormonali o di disagio fisico.

Calo del desiderio femminile: l’influenza degli ormoni.

Da un punto di vista fisico il desiderio sessuale nella donna è regolato dagli ormoni, come gli estrogeni e il testosterone (prodotto dalle ovaie e dalle ghiandole surrenali). Non è un caso che il picco della libido ci sia nella fase ovulatoria del ciclo, che è anche quella in cui è massima la produzione di questi due ormoni.

In condizioni di stress psico-fisico, la libido cala, perché gli ormoni dello stress, e in particolare il cortisolo, sono antagonisti rispetto a quelli che regolano il desiderio.

Possono causare un calo del desiderio livelli troppo elevati di prolattina. Questo ormone viene prodotto in quantità minime, tranne che in gravidanza e durante l’allattamento, perché il suo ruolo è quello di indurre la lattazione. Se la prolattina resta alta, uno dei primi effetti è proprio il crollo della libido. Tra le cause dell’aumento della prolattina ci sono tumori dell’ipofisi e disfunzioni ovariche.

Anche i disturbi della tiroide possono influenzare la vita sessuale di una donna. Infine, un calo del desiderio si può verificare nella fase della perimenopausa.

Calo del desiderio femminile: l’importanza dello stile di vita.

L’alimentazione può incidere sul desiderio sessuale: cibi con troppi zuccheri e i carboidrati raffinati non favoriscono il buon equilibrio ormonale.

Anche una vita troppo sedentaria non stimola il desiderio. Una regolare attività fisica non solo mantiene tonici tutti i muscoli e tessuti del corpo (comprese le parti intime), ma induce una naturale produzione di testosterone e di endorfine, gli ormoni del buon umore.

E se il calo del desiderio femminile dipendesse dal dolore?

Infine, una delle cause che porta al rifiuto del sesso è la dispareunia, ovvero il dolore durante o dopo i rapporti sessuali. Si manifesta in modo più o meno intenso come fastidio, bruciore o persino fitte molto dolorose. Può essere dovuta a cause organiche, in particolare a patologie come vaginiti, vestibolite vulvare, endometriosi, infezioni pelviche e secchezza vaginale.

Fonte:

Il Tuo Universo Donna

Redazione Mettiche

Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2020

Voto Medio Utenti (4.5/5)