Vulvovaginite – Sintomi cause rimedi e cure possibili Mettiche

Vulvovaginite. Parliamo delle cause e dei sintomi della vulvovaginite, di come stare meglio e di come puoi fare prevenzione.

La vulvovaginite è un’infiammazione piuttosto comune nella vita di una donna. Colpisce sia la vulva, ossia la parte visibile dei genitali femminili, sia la vagina, ossia la parte interna. Ecco quali sono le cause, i sintomi della vulvovaginite e cosa fare per stare meglio.

Vulvovaginite - Sintomi cause rimedi e cure possibili mettiche

Vulvovaginite. Quali sono i fattori che la causano?

La vulvovaginite può essere di natura infettiva o non infettiva.
Se di natura infettiva, può essere causata da un fungo, un protozoo o un batterio. Pertanto, Candida, Trichomonas e Clamidia, sono alcuni dei responsabili.

Vulvovaginite. Quali sono i fattori che la causano?

La vulvovaginite d’origine non infettiva può essere causata da piccole ferite procurate da un rapporto sessuale, magari a causa della secchezza vaginale. Oppure da uno squilibrio della flora batterica vaginale, causata da stress o da saponi intimi troppo aggressivi.

Quali sono i sintomi della vulvovaginite?

I sintomi possono variare a seconda dell’agente patogeno che ha provocato la vulvovaginite. In generale, si manifestano:

  • prurito vaginale;
  • irritazione cutanea;
  • bruciore;
  • gonfiore;
  • fastidio durante i rapporti;
  • perdite vaginali che possono essere di diverso aspetto e colore a seconda del batterio e/o fungo che ha provocato l’infiammazione.

Quali sono i sintomi della vulvovaginite?

Una volta scoperti le cause e i sintomi della vulvovaginite, vediamo cosa puoi fare per stare meglio.

In presenza dei sintomi elencati, consulta il tuo ginecologo. Il medico valuterà i sintomi ed eseguirà un esame obiettivo. Se lo riterrà opportuno, ti sottoporrà anche a un tampone vaginale che verrà poi analizzato in laboratorio, al fine di sapere se la vulvovaginite è causata da agenti patogeni e, nello specifico, da quali.

Una volta scoperti le cause e i sintomi della vulvovaginite, vediamo cosa puoi fare per stare meglio.

Se la causa dell’infiammazione è un batterio, il medico ti prescriverà un antibiotico. Se si tratta di funghi o parassiti, la cura saranno antimicotici sotto forma di creme, pomate o ovuli, o da assumere per bocca. Anche il partner dovrà sottoporsi alle cure, pur in assenza di sintomi.

Vulvovaginite e prevenzione – Come si può fare prevenzione?

Ci sono alcuni comportamenti che possono aiutarti a tenere lontana la vulvovaginite:

  • usa sempre il preservativo, per evitare le malattie a trasmissione sessuale;
  • indossa biancheria intima di cotone;
  • evita gli indumenti troppo attillati;
  • segui un’alimentazione equilibrata, evitando zuccheri, fritti, grassi, alcool ecc.;
  • non eccedere con l’igiene intima e l’uso di detergenti aggressivi per non alterare la flora batterica locale;
  • in bagno, usa la carta igienica dal davanti verso il dietro, per prevenire il trasporto dei batteri dal retto alla vagina;
  • non indossare troppo a lungo il costume da bagno umido;
  • evita le lavande vaginali se non prescritte dal medico.

Vulvovaginite e prevenzione - Come si può fare prevenzione?