Pillola del giorno dopo: cos’è?

Pillola del giorno dopo: cos’è?

Pillola del giorno dopo: sembra quasi un mito, una leggenda o un concetto così lontano, con un significato neanche troppo preciso. Abbiamo sempre la sensazione che nulla potrebbe mai capitarci, eppure si sa: prevenire è meglio che curare!

Perciò cominciamo a dare contenuto a questa nuova idea: ecco cos’è la pillola del giorno dopo!

Cosa sono le pillole del giorno dopo?

 Le “pillole del giorno dopo” sono farmaci che devono essere assunti, per bocca, come metodo contraccettivo di emergenza, a seguito di un rapporto sessuale non protetto (preservativo rotto, uso del coito interrotto, violenza, ecc), permettendo di ridurre la probabilità di rimanere incinta.

Sono due i diversi principi attivi, in Italia, nelle diverse preparazioni farmaceutiche della pillola del giorno dopo che agiscono sull’equilibrio ormonale inibendo o ritardando l’ovulazione, ovvero impedendo agli ovuli di entrare in contatto con gli spermatozoi entrati nella vagina durante un rapporto non protetto.

I principi attivi di riferimento sono:

  • Levonorgestrel: è il principio attivo della vecchia pillola del giorno dopo.  Nonostante si chiami pillola del giorno dopo, l’ideale sarebbe assumerla entro 12 ore, anche se il tempo di assunzione può arrivare fino ad un massimo di 72 ore, ovvero 3 giorni. Il tempo che intercorre fra l’assunzione ed il rapporto deve essere il più breve possibile, in modo tale da avere maggiori probabilità di efficacia terapeutica e quindi di successo. “Norlevo” è il nome commerciale di quella più conosciuta.
  • Ulipristal Acetato: è conosciuto anche come “pillola dei cinque giorni dopo”; anche in questo caso va assunta il prima possibile dopo il rapporto a rischio di gravidanza; e risulta efficace fino a 120 ore (5 giorni). Il meccanismo di azione è simile al Levonorgestrel, ma l’Ulipristal Acetato è in grado di spostare l’ovulazione anche dopo che questa è già iniziata. In Italia, il nome commerciale è “ellaOne”.

La pillola del giorno dopo è un aiuto fondamentale in tante situazioni particolari: non facciamoci trovare impreparati e informiamoci. Ma attenzione: che non diventino contraccettivi di routine.

Basta poco a volersi bene!

Contenuti approvati da SMIC Società Medica Italiana per la Contraccezione

Ultimo aggiornamento 27 novembre 2019

Voto Medio Utenti (5/5)