Neisseria gonorrhoeae – Gonorrea

La Neisseria gonorrhoeae è un batterio, il gonococco, responsabile della gonorrea, una delle più frequenti malattie sessualmente trasmesse (MST). Qualsiasi persona sessualmente attiva può infettarsi con il gonococco. Può essere frequente tra gli adolescenti e i giovani adulti.

Per crescere e riprodursi, il batterio Neisseria gonorrhoeae ha bisogno di un ambiente caldo e umido. Gli organi genitali femminili come l’utero (inclusa la cervice), le tube di Falloppio e l’uretra, sia nella donna sia nell’uomo, sono ambienti ideali per la sua crescita e la sua riproduzione

La gonorrea  può essere trasmessa durante i rapporti sessuali. Il contagio può avvenire attraverso rapporti vaginali, orali o anali con un partner infetto. L’infezione può anche essere trasmessa da madre a figlio durante il parto.

Nella maggior parte delle donne, la gonorrea è asintomatica, perciò è l’uomo che ha il dovere di avvertire la sua partner. Quando sono presenti, i sintomi sono comunque lievi e non specifici (perdite vaginali anomale, bruciore, dolore o difficoltà nell’urinare).

La guarigione è in genere rapida se la cura è tempestiva e seguita da tutti i partner contemporaneamente.

Se non trattata, la gonorrea può avere conseguenze gravi e permanenti. Nelle donne può causare la malattia infiammatoria delle pelvi (pelvic inflammatory disease, Pid), un’infezione del tratto genitale superiore che può provocare febbre, dolore addominale, ascessi interni e dolori pelvici cronici. L’infiammazione può danneggiare le tube di Falloppio, causando infertilità.

Redazione Mettiche

Ultimo aggiornamento: 9 aprile 2020

Voto Medio Utenti (4/5)