Ne parliamo ancora con pudore e usiamo diverse espressioni per nominarle: “le mie cose”, “sono indisposta”, “quei giorni”. Sul tema ci sono ancora molti tabù e credenze errate. Smentiamo 5 falsi miti sulle mestruazioni.  

Il ciclo mestruale ci accompagna per gran parte della nostra vita: basti pensare che il numero medio di cicli mestruali nella vita di una donna è di circa 450. Eppure, molte ne parlano ancora con sospetto, con imbarazzo. E le credenze errate sul tema spopolano su forum e social media. Ecco i 5 falsi miti sulle mestruazioni più diffusi.

1- Quando ho le mestruazioni non posso rimanere incita

Gli spermatozoi sono in grado di sopravvivere fino a 7 giorni dopo il rapporto sessuale nei genitali femminili. Questo significa che è possibile rimanere incinta se si hanno rapporti sessuali durante il ciclo mestruale e anche poco dopo la fine delle mestruazioni, soprattutto quando il ciclo è breve.

È, quindi, essenziale utilizzare metodi anticoncezionali affidabili in ogni fase del ciclo se si vogliono evitare gravidanze indesiderate.

2- Tutte le donne soffrono nel periodo mestruale

Solo il 5% circa delle donne soffre di una sindrome premestruale seria, con dolori pelvici e muscolari, sbalzi d’umore, cambiamenti nel sonno e nell’appetito.

La maggior parte delle donne non ha alcun disturbo oppure avverte fastidi lievi e comuni, quali mal di testa, gonfiore a seno e addome, irritabilità.

3- Falsi miti sulle mestruazioni: lo sport va evitato

In realtà, lo sport e l’attività fisica possono interferire con il ciclo mestruale solo quando sono eccessivi.

Nelle ragazze giovani, lo sforzo fisico esagerato può incidere sull’ovulazione e quindi sulla regolarità del ciclo. Ecco perché le ragazzine che praticano sport a livello agonistico possono soffrire di amenorrea. A sviluppo completato, invece, se il ciclo è regolare, non si corrono rischi. L’attività fisica, inoltre, può essere una grande alleata nei giorni del ciclo: allevia i crampi e migliora l’umore.

4- Devo limitare alcune attività

Molte adolescenti credono che nei giorni del ciclo tante cose siano vietate. C’è chi è convinta che non si possa fare il bagno al mare o in piscina. O chi è convinta che sia meglio evitare trattamenti ai capelli. Per non parlare di certe superstizioni, come le torte che non lievitano.

Tutte false credenze: durante le mestruazioni una donna può fare tutto quello che desidera!

5- La coppetta mestruale non è igienica

Al contrario, con la coppetta mestruale è difficile sporcarsi e si è meno soggette alle infezioni vaginali.

Può essere usata fino a 12 ore e si lava facilmente con acqua e sapone. Può essere pulita anche con un fazzoletto di carta o con una salvietta igienica. Alla fine del ciclo, può essere sterilizzata in acqua bollente e conservata nel suo astuccio.

Fonti:

Viversani e belli

Istituto Superiore di Sanità

Redazione Mettiche

Ultimo aggiornamento: 5 dicembre 2020

Voto Medio Utenti (4.6/5)