Preservativo o profilattico

È un metodo di barriera. Più noto come preservativo maschile o condom.

È l’unico metodo che protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili e dall’AIDS, ma ha una copertura contraccettiva statisticamente inferiore alla contraccezione ormonale, soprattutto per un non corretto utilizzo.

È costituito da una membrana di lattice, e s’indossa prima del rapporto sessuale sul pene già eretto prima di qualsiasi contatto genitale.

Impedisce il contatto dello sperma con i genitali femminili. Il suo utilizzo è segno di coscienza e maturità nei confronti della prevenzione.

Se è messo in modo sbagliato, è bene buttare il preservativo e prenderne uno nuovo. Sono molte le cose da evitare: va conservato lontano da fonti di calore e di luce; occorre fare attenzione a non lacerarlo con unghie, anelli, piercing, etc.; va utilizzato subito dopo l’apertura della confezione e non va usato se appare indurito, appiccicoso o danneggiato.

Se è necessaria una lubrificazione maggiore di quella già presente sulla sua superficie, si possono utilizzare lubrificanti a base acquosa come la glicerina; mentre vaselina, paraffina, olio per bambini o altri vanno evitati per non alterare il lattice.

Dopo l’eiaculazione, è necessario estrarre il pene dalla vagina immediatamente quando è ancora eretto stando attenti a portare con sé il preservativo (tenere il bordo con due dita), in modo da evitare che si sfili e rimanga all’interno della vagina, con conseguente fuoriuscita di sperma.

Esistono profilattici in poliuretano per chi fosse allergico al lattice. I preservativi si differenziano anche per lunghezza, larghezza e spessore. Un preservativo troppo stretto può essere fastidioso e uno troppo largo può scivolare durante il rapporto sessuale e provocare la fuoriuscita dello sperma.

Queste informazioni sono fondamentali nella scelta, prima dell’acquisto, perché ogni preservativo deve essere adatto alla dimensione del pene al quale va applicato.

Il profilattico femminile

È il corrispettivo femminile del condom. È fatto di poliuretano. Si posiziona in vagina, e la sua parte terminale protegge anche i genitali esterni da possibili infezioni sessuali.

Se hai dei dubbi, perché il preservativo è stato indossato a rapporto già iniziato, o si è rotto o si è sfilato e pensi di essere a rischio di gravidanza indesiderata clicca qui

Share

L'iniziativa mettiche è un progetto di SMIC Società Medica Italiana per la Contraccezione, tutti i diritti sono riservati.