Perché la nuova pillola del giorno dopo (nota anche come “pillola dei 5 giorni dopo”) è più efficace della vecchia?

nuova pillola del giorno dopo

Nuova pillola del giorno dopo

La ” nuova pillola del giorno dopo ” a base di ulipristal acetato agisce anche se il processo che conduce all’ovulazione è già iniziato. Mentre la vecchia pillola a base di levonorstrel agisce solo se l’ovulazione non è iniziata.

Questa differenza si traduce in un dato sostanziale, confermato anche dagli studi dell’OMS:

la pillola del giorno dopo a base di levonorgestrel, anche se assunta subito ha un’efficacia contraccettiva che oscilla dal 52% al 94%, – e questo proprio perché, se assunta quando l’ovulazione è già in corso, non riesce a bloccarla.

La nuova pillola del giorno dopo – a base di ulipristal acetato – invece, ha in ogni caso un’efficacia del 98% se assunta entro le prime 24 ore.
Questo accade proprio perché sposta l’ovulazione anche se il processo che porta all’ovulazione è già iniziatoIl dato 52% contro 98% deve far riflettere: il 52% vuol dire un rischio di uno su due!!!

La nuova pillola del giorno dopo è in grado di spostare l’ovulazione in avanti di 5 giorni.

In questo tempo gli spermatozoi presenti all’interno dei genitali femminili perdono efficacia.
La ricerca sulla contraccezione d’emergenza è andata avanti. Oggi offre una soluzione più sicura ed efficace con lo stesso profilo di tollerabilità della vecchia.

Poiché le donne maggiorenni possono acquistare la pillola del giorno dopo senza più obbligo di ricetta è estremamente importante che:

  • le donne siano consapevoli del rischio di una gravidanza indesiderata dovuta ad un rapporto non protetto o non correttamente protetto
  • scelgano il farmaco che offre loro la più alta protezione contraccettiva.

Quindi professore a chi può essere consigliata la vecchia pillola del giorno dopo?

“La vecchia pillola del giorno dopo, a base di levonorgestrel è più adatta a coloro che vi fanno ricorso durante l’allattamento.
Ed è, ovviamente, la soluzione da scegliere nei casi di ipersensibilità accertata verso l’ulipristal acetato.”

Redazione Mettiche

Ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2017

Voto Medio Utenti (4/5)