Non riesco ad avere un rapporto stabile

Superata la fase dell’adolescenza e della scoperta dell’amore e della sessualità, c’è per molti il desiderio di stabilità affettiva, di trovare un legame solido, appagante e in cui trovare una piena realizzazione.

Le recenti statistiche mostrano proprio come, nella scala dei valori, la felicità legata ad un buon rapporto d’amore e alla famiglia sia al primo posto. Non la carriera o il denaro, ma gli affetti e la famiglia. In un certo senso una riscoperta di valori che sembravano superati.

Non riesco ad avere un rapporto stabile, quali sono i motivi?

Ma capita di sentire che questo desiderio non riesce a realizzarsi, che le storie iniziano anche con grande passione… ma rapidamente declinano. Allora cominciano tutte le recriminazioni, i rimpianti, le accuse o le autocritiche. Perché non riesco ad avere un rapporto stabile? Cosa c’è di sbagliato in me? Perché scelgo sempre la persona sbagliata?

Quando rispondo che l’amore è una potenzialità straordinaria, ma che va coltivata, seguita e allenata per potersi esprimere al meglio, incontro una certa perplessità. Ma quando poi approfondiamo questo concetto, usciamo dalla trappola dei sensi di colpa o del vittimismo e comincia una nuova consapevolezza di sé, del senso e significato che un rapporto d’amore può assumere per ciascuno, di quanta cura e impegno siano necessari per un rapporto stabile e soddisfacente, allora comincia a profilarsi un nuovo scenario.

Avete esperienze da raccontare o domande da fare su quest’argomento?

Voto Medio Utenti (4/5)