Lo stalking… la gelosia e l’amore diventa ossessione

stalker

Il termine stalking (dal linguaggio venatorio inglese significa “fare la posta”) fa riferimento ad una condotta persecutoria e ossessiva,attivata solitamente da un soggetto di sesso maschile nei confronti di una persona di sesso opposto che subisce grandi danni fisici e psichici.
La persona offesa vive continuamente in uno stato di ansia e agitazione e anche in quei casi in cui non diventi oggetto di aggressioni fisiche da parte dello stalker, risente di una grave compromissione del suo equilibrio psico-emotivo.
La persecuzione è attivata con ogni mezzo: di persona con appostamenti e pedinamenti, tramite sms , messaggi in segreteria telefonica , e mail e telefonate, invio di doni, lettere e fiori contro il consenso della vittima. Il comportamento ossessivo e deviante di “fare la posta” , può sfociare nella aggressione fisica , in una violenza sessuale e ANCHE nell’omicidio e talvolta nell’ omicidio e suicidio.
Lo stalker è un ex fidanzato o un ex marito, o un corteggiatore respinto che vive la separazione o il rifiuto della persona amata come se fosse un abbandono catastrofico. Il comportamento dello stalker tende a recuperare la relazione affettiva oppure a vendicarsi del torto subito per l’abbandono o ad esercitare il controllo per la infatuazione morbosa e da qui nasce la sindrome dell’inseguitore ossessivo (obsessional followers).
Le persone che manifestano una gelosia delirante sul piano emotivo mancano di equilibrio ed avvertono un profondo senso di vuoto affettivo che cercano di colmare con il “controllo” della partner in modo da allontanare il rischio della separazione e dell’abbandono.
Durante il rapporto sentimentale anche atteggiamenti innocenti della partner riescono a scatenare nel compagno /stalker reazioni violentissime di gelosia che si traducono in insulti e percosse fisiche, quest’ultime tollerate dalle donne come una dimostrazione di “amore” (?).
Secondo le più recenti ricerche condotte nel Dipartimento di Psichiatria e Scienze Neurologiche dell’Università di Pisa, la gelosia ossessiva è provocata da una attività disfunzionale di uno neurotrasmettitore (dopamina). L’area cerebrale localizzata è nella corteccia frontale ventro-mediale, ovvero quell’area del cervello preposta alla gestione dei complessi processi di natura affettiva e cognitiva.
La gelosia quando diventa delirante necessita di un intervento specialistico perché può rappresentare l’anticamera di comportamenti disfunzionali sino a trasformarsi in reati perseguibili dalla legge. Alle donne poi il compito di non confondere mai nessuna forma di AMORE con la VIOLENZA.
… ”e nella gelosia c’è più egoismo che amore” (La Rochefoucauld)

Dott.ssa Patrizia Pezzella
Psicologa e Sessuologa

L'iniziativa mettiche è un progetto di SMIC Società Medica Italiana per la Contraccezione, tutti i diritti sono riservati.