La stagione estiva è alle porte

agosto

Tenendo conto della stagione estiva alle porte, abbiamo scelto di rispondere a una domandasuper “hot” e cioè di trattare questo mese un tema bollente più di 39°… siete pronti? O come dice la rock star Madonna prima dei concerti, siete caldi? Ebbene la domanda è: quando è che inizia la perversione sessuale e dove finisce la normalità nella sessualità?
Certamente in questi ultimi decenni stiamo assistendo ad un incremento di nuovi comportamenti amorosi.
Nel tentativo di stabilire il confine tra normalità del comportamento sessuale e un comportamento perverso, usiamo la definizione del DSM IV-TR redatto dall’Associazione degli Psichiatri Americani. Le perversioni sessuali o parafilie riguardano impulsi e attività sessuali ricorrenti che coinvolgono oggetti inanimati, sono caratterizzate dalla sofferenza o dall’umiliazione del partner e/o di se stessi,e che coinvolgono bambini o adulti non consenzienti.
Tali comportamenti sessuali interferiscono nella vita di relazione del soggetto provocando enorme disagio nel mondo interpersonale, sociale e lavorativo.
In sintesi la persona con tali deviazioni sessuali o parafilie si eccita, dietro stimoli che non provocano nessuna eccitazione o piacere alla maggior parte delle persone o anzi sono attività crudeli, nauseanti e inaccettabili ai più.
In questo periodo le perversioni, definite dal mondo scientifico parafilie, (e sottolineiamo) si riferiscono ad attività sessuali caratterizzate da violenza fisica e/o psicologica, su soggetti adulti non consenzienti o su bambini prepuberi (prima dello sviluppo). Tali comportamenti possono assumere una caratteristica esclusiva e possono sfociare in una dipendenza ossessiva-compulsiva.
Le otto maggiori forme di perversione (parafilie) riguardano: l’Esibizionismo (esposizione dei genitali a chi non se l’aspetta), il Feticismo (uso di oggetti inanimati come biancheria, etc.), il Frotteurismo (toccare o strofinarsi contro persona non consenziente ad esempio in luoghi affollati), la Pedofilia (interesse sessuale sui bambini prepuberi). Il soggetto può essere attratto sessualmente da maschi, da femmine o da entrambi. La pedofilia può essere di Tipo Esclusivo (attrazione solo verso i bambini) o di Tipo Non esclusivo. Il Masochismo sessuale (eccitarsi nel ricevere umiliazioni o sofferenze fisiche e non), il Sadismo sessuale (eccitarsi nell’infliggere umiliazione e sofferenza), il Feticismo di Travestimento (indossare a scopo di piacere sessuale abbigliamento del sesso opposto, eccetto soggetti con disturbi dell’identità di genere ovvero di chi si sente intrappolato in un corpo di sesso opposto a quello percepito psichicamente), il Voyeurismo (provare eccitazione e piacere sessuale nell’osservare nudità o attività sessuali di soggetti inconsapevoli di essere osservati).
I comportamenti perversi o le parafilie sono reversibili attraverso un intervento psicoterapeutico poiché esse non sono il frutto di una degenerazione morale, ma di un disagio psichico molto profondo che può essere trattato per evitare che sfoci in depressioni serie, disadattamenti sociali e in taluni casi in provvedimenti dell’autorità giudiziaria.
A queste maggiori forme di deviazioni si aggiungono altri comportamenti sessuali classificati dal mondo scientifico come parafilie non altrimenti specificate (APA 2003). Essi sono i seguenti: Scatologia telefonica (telefonate oscene), Necrofilia (attrazione sessuale verso i cadaveri), Zoofilia (attrazione sessuale per animali), Parzialismo (attrazione esclusiva per una parte del corpo), Coprofilia (attività sessuale con utilizzo delle feci), Urofilia (eccitazione sessuale con l’uso delle urine), Clismafilia (uso di oggetti nel retto e clisteri).
Altri comportamenti borderline riguardano il fare sesso all’aria aperta in presenza di persone (dogging), l’uso del liquido seminale (spermatofilia). Per Asfissiofilia s’intendono le pratiche sessuali che prevedono asfissie momentanee spesso, però, questi giochi erotici hanno un esito letale. Il Bondage si riferisce alle pratiche sessuali che prevedono il farsi legare e bendare, l’Ibristofilia (attrazione sessuale verso criminali), il Crush Fetish (schiacciare con i piedi piccoli animali come insetti, rane, pulcini, coniglietti), l’Onirofilia (attività sessuale con persone che dormono), e per finire questo elenco in modo leggero la Sitofilia (utilizzo del cibo come giocattolo erotico.)
E’ importante non confondere le perversioni o parafilie con le trasgressioni. La perversione è una fissazione, qualcosa di cui la persona non può farne a meno, un bisogno che sfugge al suo controllo e da cui dipende spesso esclusivamente il suo piacere, e senza alcun rispetto dell’altro. Le trasgressioni sono comportamenti sessuali insoliti o originali che le persone possono decidere di sperimentare nel reciproco rispetto e senza recare danno e di questo parleremo la prossima volta!

Dott.ssa Patrizia Pezzella
Psicologa e Sessuologa

 

Share

L'iniziativa mettiche è un progetto di SMIC Società Medica Italiana per la Contraccezione, tutti i diritti sono riservati.