Impianto contraccettivo sottocutaneo

L’impianto contraccettivo sottocutaneo è un contraccettivo di nuova generazione, a lungo termine e completamente reversibile.

L’impianto ormonale contraccettivo sottocutaneo è costituito da un bastoncino di due millimetri di diametro e quattro centimetri di lunghezza, realizzato in un materiale biocompatibile, che rilascia il contraccettivo in modo costante e che va impiantato sotto la cute nella parte interna del braccio dal ginecologo, con un’iniezione sottocutanea.
È un contraccettivo ormonale nuovo che non contiene estrogeni ma solo un progestinico che viene rilasciato a piccole dosi in modo continuativo.
L’efficacia nella prevenzione di una gravidanza indesiderata è garantita come per tutti i contraccettivi ormonali, con il vantaggio di non dover essere ricordato come la pillola o sostituito come l’anello o il cerotto.

La presenza del solo progestinico ne consente la prescrizione anche a coloro per le quali l’impiego di estrogeni è controindicato, come ad esempio nel caso di allattamento, tabagismo, obesità, trombofilie congenite o acquisite e ipertensione arteriosa controllata.

Esistono alcuni farmaci che possono interagire con l’impianto contraccettivo, tra questi:

  • Alcuni medicinali usati per trattare l’epilessia (fenobarbital, fenitoina, primidone, carbamazepina),
  • Alcuni medicinali usati per il trattamento delle infezioni da HIV (ritonavir),
  • Alcuni medicinali per il trattamento di alcune infezioni batteriche (rifabutina, rifampicina, griseofulvina),
  • Preparazioni a base di piante medicinali contenenti Erba di S. Giovanni (Hypericum perforatum).

È dunque opportuno, segnalare al medico l’eventuale uso concomitante di altri farmaci o la presenza di patologie specifiche come ad esempio, disturbi cardiovascolari o disfunzioni epatiche gravi.

Infine vi sono alcuni effetti collaterali relativamente diffusi, come: spotting, cefalea, nausea, tensione mammaria, vaginiti, dismenorrea, ritenzione idrica e aumento di peso.

Per interrompere l’azione farmacologica, basta andare dal ginecologo e far rimuovere l’impianto sottocutaneo, in qualsiasi momento.

 

L'iniziativa mettiche è un progetto di SMIC Società Medica Italiana per la Contraccezione, tutti i diritti sono riservati.