I coach raccontano- È vero che la gelosia è una manifestazione dell’amore?

gelosia partner

È vero che la gelosia è una manifestazione dell’amore? E che, per quanto possa essere fastidiosa e mortificante, va sopportata perchè indica quanto il partner è innamorato?

Mi è capitato spesso di sentire questo tipo di domande, formulate da persone che si sentivano intrappolate , limitate nella loro autonomia, quasi ripiegate su un profilo basso che le metteva al riparo di attenzioni o riconoscimenti da parte degli altri, e sempre con l’ansia quando capitava di dover stare in un posto in cui non erano raggiungibili dal cellulare.
Il malessere viene vissuto, all’inizio di una relazione sentimentale, come l’ effetto secondario di un grande amore, quasi fosse un omaggio, un tributo derivante da un interesse appassionato e profondo che desidera l’esclusiva, ma con il passare del tempo diventa sempre più difficile da sopportare.

La gelosia deriva dal desiderio di possesso.

La gelosia è in realtà una manifestazione che non deriva dall’amore ma dal desiderio di possesso. Se amare significa desiderare la felicità del partner, cosa significa esercitare un controllo ossessivo, temere ogni sguardo, essere sempre sospettosi e vedere rivali ovunque, se non un infantile voglia di possedere un “oggetto” per poterlo utilizzare a proprio piacimento. Un “oggetto” di esclusiva proprietà e non un “soggetto” da conoscere, apprezzare, stimare, con cui confrontarsi con fiducia e rispetto .
E voi cosa ne pensate? Aspettiamo i vostri interventi!

Voto medio utenti

Share

L'iniziativa mettiche è un progetto di SMIC Società Medica Italiana per la Contraccezione, tutti i diritti sono riservati.

I coach raccontano- È vero che la gelosia è una manifestazione dell’amore?

gelosia partner

È vero che la gelosia è una manifestazione dell’amore? E che, per quanto possa essere fastidiosa e mortificante, va sopportata perchè indica quanto il partner è innamorato?

Mi è capitato spesso di sentire questo tipo di domande, formulate da persone che si sentivano intrappolate , limitate nella loro autonomia, quasi ripiegate su un profilo basso che le metteva al riparo di attenzioni o riconoscimenti da parte degli altri, e sempre con l’ansia quando capitava di dover stare in un posto in cui non erano raggiungibili dal cellulare.
Il malessere viene vissuto, all’inizio di una relazione sentimentale, come l’ effetto secondario di un grande amore, quasi fosse un omaggio, un tributo derivante da un interesse appassionato e profondo che desidera l’esclusiva, ma con il passare del tempo diventa sempre più difficile da sopportare.

La gelosia deriva dal desiderio di possesso.

La gelosia è in realtà una manifestazione che non deriva dall’amore ma dal desiderio di possesso. Se amare significa desiderare la felicità del partner, cosa significa esercitare un controllo ossessivo, temere ogni sguardo, essere sempre sospettosi e vedere rivali ovunque, se non un infantile voglia di possedere un “oggetto” per poterlo utilizzare a proprio piacimento. Un “oggetto” di esclusiva proprietà e non un “soggetto” da conoscere, apprezzare, stimare, con cui confrontarsi con fiducia e rispetto .
E voi cosa ne pensate? Aspettiamo i vostri interventi!

Voto medio utenti

Share

L'iniziativa mettiche è un progetto di SMIC Società Medica Italiana per la Contraccezione, tutti i diritti sono riservati.