Cosa fare quando il contraccettivo non funziona?

Gli imprevisti possono capitare. Ecco cosa fare quando il contraccettivo non funziona.

Hai dimenticato di prendere la pillola, si è rotto il preservativo o ti sei fatta prendere dalla passione e non hai usato contraccettivi: gli imprevisti possono capitare! Cosa fare in questi casi?

Quando il contraccettivo non funziona, corri in farmacia!

Gli imprevisti con i contraccettivi sono fastidiosi, ma fortunatamente sono anche facili da risolvere. Quando il contraccettivo non funziona per qualsiasi motivo, non perdere tempo e corri in farmacia per acquistare la pillola del giorno dopo. Se agisci velocemente, la pillola del giorno dopo può offrirti una protezione contro una gravidanza indesiderata. Questo perché è in grado di bloccare o ritardare l’ovulazione. Da sottolineare è che la pillola del giorno dopo può solo prevenire e non interrompere una gravidanza già in atto. Non si tratta quindi di una pillola abortiva.

Ricorda che la nuova pillola del giorno dopo (nome commerciale ellaOne), se assunta entro le prime 24 ore dal rapporto a rischio, ha un’efficacia del 98%!

La pillola del giorno dopo è disponibile in farmacia senza necessità di ricetta per le maggiorenni. Per le minorenni è necessaria una prescrizione medica. La tua farmacia ha già chiuso? Non ti preoccupare: le farmacie di emergenza sono sempre aperte, puoi ricevere consigli anche al di fuori degli orali normali di apertura.

Cosa devo aspettarmi in farmacia quando vado a comprare la pillola del giorno dopo?

Il farmacista ti chiederà quando è avvenuto l’imprevisto, se hai delle malattie croniche, se prendi altre medicine o se sei allergico a qualche componente contenuto nella pillola del giorno dopo. Se tutto va bene, ti darà la pillola.

Quando il contraccettivo non funziona: cosa è successo?

Ecco quali sono i 5 i imprevisti più comuni e come evitarli.

1- Uso non corretto del preservativo.

Il preservativo che si rompe è uno degli esempi classici di imprevisto. Ma può essere prevenuto in molti casi. Iniziando dal custodirlo correttamente: a temperatura ambiente e in modo che il preservativo non venga schiacciato. In aggiunta, bisogna sempre guardare la data di scadenza e fare attenzione a indossare il preservativo in modo corretto.

2- Uso non corretto della pillola.

Durante una giornata particolarmente stressante o quando si viaggia può capitare di dimenticare di prendere la pillola o di prenderla in ritardo. Il consiglio è di prendere la pillola il prima possibile da quando ti sei accorta dello sbaglio. L’efficacia dipenderà dal tipo di pillola: con alcuni tipi di mini-pillole, ad esempio, sei coperta anche fino a 3 ore dopo l’orario corretto di assunzione. Per le pillole combinate, la copertura è di 12 ore e, se superi il limite di tempo per l’assunzione della pillola, c’è il rischio che la protezione contraccettiva non sia più garantita. In tutti i casi, leggi il foglio illustrativo della pillola attentamente, e se hai qualche domanda, rivolgiti al tuo ginecologo o al farmacista.

3- Interazione della pillola con altri farmaci.

Alcuni farmaci, ad esempio gli antibiotici, o alcuni rimedi omeopatici, come l’erba di San Giovanni, possono influenzare l’efficacia della pillola. Attenzione: questo vale anche per altri metodi ormonali, come il cerotto contraccettivo! In tutti i casi, leggi il foglio illustrativo attentamente e se hai domande chiedi al tuo ginecologo o farmacista.

4- Diarrea e vomito dopo aver preso la pillola.

Hai sempre preso la pillola regolarmente ma una gastroenterite ti ha causato diarrea e/o vomito. In questi casi dovresti usare ulteriori metodi contraccettivi, perché c’è il rischio che gli ingredienti attivi della pillola non siano stati assorbiti correttamente o siano stati eliminati troppo velocemente. E l’efficacia contraccettiva potrebbe essere compromessa. In più, bisogna considerare che dopo avere avuto un rapporto, gli spermatozoi possono sopravvivere fino a 5 giorni nel corpo di una donna. Questo vuol dire che il sesso protetto di ieri può diventare improvvisamente sesso non protetto, se si ha un episodio di vomito.  Anche in questi casi, leggi il foglio illustrativo della pillola e per ulteriori dubbi chiedi al tuo ginecologo o farmacista.

5- Nessuna contraccezione o coito interrotto.

Siamo chiari: il coito interrotto non è un metodo contraccettivo affidabile. Estrarre il pene dalla vagina prima dell’eiaculazione offre una protezione inadeguata, perché il liquido pre-eiaculatorio può contenere sperma. Non usare altri metodi contraccettivi non è affatto una buona idea.

Redazione Mettiche

Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2018

Voto Medio Utenti (4.5/5)