Come riconoscere le fake news sulla salute?

Fake newsSempre più italiani sono vittime di fake news sulla salute. Ecco i consigli per non farti ingannare. 

Circa 15 milioni di italiani si affidano al web per trovare una soluzione per i loro disturbi, da mal di schiena e influenza a patologie più serie, come l’HIV. Di loro, però, ben 8 milioni sono vittime di informazioni sbagliate.

Le informazioni false e inventate sono sempre esistite, ma oggi grazie a internet è aumentata in maniera esponenziale la capacità di creare notizie false e ancora di più la capacità di diffonderle rapidamente. Le fake news si trovano ovunque sul web: sono su Google, su Facebook e sui messaggi che ci arrivano su WhatsApp. E cadere nei tranelli è facilissimo, soprattutto quando si parla di salute. Una persona ha problemi di salute tende, infatti, a perdere la razionalità e diventa preda facile di notizie false e di ciarlatani.

Difendersi dalle notizie false è oggi diventato fondamentale. Per farlo, occorre cominciare a riconoscerle. Ecco dunque alcuni consigli per riconoscere le fake news sulla salute.

 Verifica sempre la fonte della notizia.

Verifica sempre chi è il proprietario del sito o del blog. Questo serve per capire bene chi ha interesse a veicolare quel tipo di informazione. Attenzione ai siti che “fanno finta” di essere media ufficiali, modificando il nome di quelli veri e approfittano della disattenzione del lettore per diffondere notizie false. Idem per le finte pagine ufficiali Facebook e Twitter. Fai attenzione che contengano la spunta azzurra indicante che si tratta di un account verificato.

Valuta bene quello che leggi sui forum.

I forum possono essere molto utili per confrontarsi con altre persone che si trovano nella nostra stessa situazione. Ma possono essere anche fonti insidiose, perché propongono storie di pazienti e dei loro familiari che creano un forte coinvolgimento emotivo. Considera che  si tratta sempre di racconti soggettivi, ma non è detto che abbiano affidabilità scientifica.

Diffida dei titoli che mirano ad acchiappare clic.

Fai attenzione ad un titolo che punta solo ad incuriosire o un testo contenente slogan che mirano a suscitare una reazione immediata in chi legge. Sono spessissimo notizie false o notizie che hanno solo un minimo di verità, mescolata con fatti del tutto inventati. L’obiettivo di chi le crea è quello di farti aprire il link e magari condividerlo sui social per acchiappare più like.

Non farti ingannare dalla propaganda e dalla pubblicità mascherata.

Un sito di qualità dovrebbe sempre tenere separata l’informazione indipendente da quella pubblicitaria. Spesso le fake news vengono diffuse a scopo di lucro. Per scoprire se la notizia ha un secondo fine, controlla il  “Chi siamo”, cioè la sezione in cui dovrebbero presentarsi i responsabili del sito. Se la sezione sul sito manca, c’è puzza di bruciato.

Verifica sempre le immagini che accompagnano la notizia.

Sappiamo che una foto o un’immagine catturano di più l’attenzione rispetto alle parole.  Così, spesso, per rendere credibile una fake news, vengono ripescate foto che non riguardano quanto viene detto nella notizia, ma qualcosa di simile, verificatosi molto tempo prima. O addirittura un evento che non c’entra nulla. Se hai dei sospetti, cerca la foto con Google Immagini.

Fai attenzione a dati e statistiche di cui sono piene le fake news.

I numeri rendono la notizia più credibile. Spesso quindi una fake news è infarcita di dati e statistiche, che però sono assolutamente inventati. Ricorda che per essere credibili sulle statistiche deve essere riportata la fonte, magari il riferimento a uno studio pubblicato su delle riviste scientifiche.

Accertati che la notizia sia attuale.

Verifica sempre la data di pubblicazione della notizia. Spesso,utilizzando i motori di ricerca, può capitare di leggere una notizia di molti anni fa e di scambiarla per una notizia attuale.

Non cedere al complottismo e all’allarmismo.

Navigando sul web, capita spesso di incappare in notizie allarmistiche e che gridano al complotto. Ne sono un esempio quelle sull’effetto dei vaccini. Cerca di leggere le notizie sempre sottoponendole a un’analisi critica. Per qualunque dubbio,  confrontati con il tuo medico.

Voto Medio Utenti (4/5)