Cerotto contraccettivo

Il cerotto contraccettivo transdermico è un contraccettivo ormonale, analogo alla pillola.

Si applica un cerotto alla settimana per 3 settimane. Dopo 1 settimana d’interruzione si utilizza un nuovo cerotto. Deve essere applicato sulla pelle asciutta, pulita, intatta e priva di peli. Non può essere messo sul seno e sulla pelle arrossata, irritata o con tagli. Per applicarlo bisogna premere con forza per fare aderire bene i bordi. Non utilizzare creme, talchi, lozioni, ecc., nella zona dove è posto il cerotto. La posizione del cerotto sulla pelle va cambiata ogni volta.

È importante controllare ogni giorno che sia ben aderente. Se si stacca, parzialmente o completamente, è possibile sostituirlo entro le 24 ore dal distacco. Superato questo limite, è bene associare un altro metodo contraccettivo per 7 giorni.

In caso di dimenticanza o ritardo nella sostituzione/applicazione è bene verificare quanto riportato sul foglietto illustrativo e, eventualmente, associare un altro metodo contraccettivo.

Esistono alcuni farmaci che possono interagire con il cerotto contraccettivo, tra questi:

  • Alcuni medicinali usati per trattare l’epilessia (fenobarbital, fenitoina, primidone, carbamazepina),
  • Alcuni medicinali usati per il trattamento delle infezioni da HIV (ritonavir),
  • Alcuni medicinali per il trattamento di alcune infezioni batteriche (rifabutina, rifampicina, griseofulvina),
  • Preparazioni a base di piante medicinali contenenti Erba di S. Giovanni (Hypericum perforatum).

È dunque opportuno, segnalare al medico l’eventuale uso concomitante di altri farmaci o la presenza di patologie specifiche come ad esempio, disturbi cardiovascolari o disfunzioni epatiche gravi.

Infine vi sono alcuni effetti collaterali relativamente diffusi, come: spotting, cefalea, nausea, tensione mammaria, vaginiti, dismenorrea, ritenzione idrica e aumento di peso.

Se usato correttamente, il cerotto ha una sicurezza contraccettiva del 99%.

Share